Greve in Chianti (FI) – Expo del Chianti classico

Data evento:

settembre

Descrizione:

Per qualche giorno lo splendido comune di Greve in Chianti si trasforma in un grande palcoscenico di colori e sapori tutti toscani. L’evento nasce dal desiderio di promuovere all’interno della sua stessa area di produzione il più prestigioso prodotto locale: il Chianti Classico. L’uso dell’aggettivo non è di poca importanza, infatti il Chianti Classico ed il Chianti sono due prodotti distinti; il primo, quello indicato dal marchio Gallo Nero per intenderci, è prodotto da diversi secoli e venne riconosciuto dal Granduca di Toscana Cosimo III come vino tipico della zona tra Firenze e Siena, da lui stesso denominata Chianti. Con il passare del tempo questo prodotto raggiunse un grande successo, ingolosendo i produttori delle zone limitrofe, che iniziarono a produrre un vino simile, il Chianti. La volontà di far conoscere le differenze tra i due prodotti e la caratteristiche uniche del Chianti Classico hanno spinto gli otto comuni della zona produttrice a collaborare a questa manifestazione. Molti gli stand che organizzano degustazioni enogastronomiche e che mettono a disposizione esperti enologi e produttori per farvi apprezzare in modo consapevole i prodotti esposti; non mancano buonissimi assaggi di cucina locale: olio, formaggi, salumi, pane, miele e molto altro. Il programma è ricco di eventi: degustazioni, laboratori, mostre, dibattiti sulla produzione sostenibile e sulle innovazioni del mondo enogastronomico, sbandieratori e spettacoli folcloristici, concerti musicali e serate con DJset. Una manifestazione che unisce abilmente il buon gusto della tavola toscana con manifestazioni artistiche, culturali e ludiche.

(La Redazione)

Link:

Sito Ufficiale

(è vivamente consigliato controllare il sito ufficiale dell’evento per eventuali news e aggiornamenti)
Ente organizzatore: Expo del Chianti Classico


 

 

L’Editore di Regione in Festa comunica che la raccolta delle pubblicità è gestita da agenzie pubblicitarie in totale autonomia. 

Share This Post On